CONTENUTI VIP

Soverato il Consiglio approva la rottamazione delle bollette

Si torna a parlare di piano spiaggia in...

Soverato a rischio il servizio di patologia clinica

Dipendenti in agitazione nell’ospedale di Soverato da cui...

Montepaone Droni termici per risolvere il giallo dei fumi maleodoranti

Cresce la preoccupazione a Montepaone per la presenza di...

Traffico di rifiuti, il ruolo del Basso Ionio nell’inchiesta potentina

Si chiariscono i contorni dell’operazione coordinata dalla Procura di Potenza che ha portato all’emanazione di undici misure cautelari che hanno colpito anche persone residenti a Montepaone e Gasperina e un’azienda con sede a Soverato. 

Quattro le disposizioni di misure cautelari in carcere, cinque ai domiciliari e due gli obblighi di dimora: in tutto sono 16 le persone coinvolte e 4 le società. 

L’inchiesta della Dda e dei carabinieri del Noe di Potenza ha fatto luce su un traffico illecito transfontaliero di rifiuti. Movimenti che, si spiega chiaramente negli atti, rappresentano uno degli strumenti di elusione dei controlli sul ciclo dei rifiuti e la causa di danni all’ambiente e alla salute dell’uomo.

Un vero e proprio fenomeno di dumping ambientale, con cui si intende l’esportazione di merci a prezzi molti più bassi di quelli praticati sul mercato interno, per mano di soggetti italiani che avrebbero agito con la correità di intermediari e di soggetti stranieri. 

I rifiuti provenienti dall’Italia sarebbero così arrivati in quei Paesi caratterizzati da una disciplina più permissiva o comunque privi di capacità di controllo in materia di tutela ambientale, che costituivano la sede in cui si sarebbero svolte le attività da cui si traeva profitto, mediante trattamenti altamente inquinanti, con l’esito finale, come nel caso investigato dai magistrati lucani, dello “smaltimento o dell’abbandono incontrollato”. In mezzo società campane e tunisine e una società soveratese che avrebbe avuto, secondo i magistrati, un ruolo attivo nel traffico di rifiuti tra Italia e Tunisia. 

I rifiuti provenienti dall’Italia finivano per essere incendiati o interrati in Africa. La Tunisia trasformata senza scrupoli in una discarica, in un traffico che nel 2020 movimentò nel Paese del Nord Africa 7.891 tonnellate di rifiuti stipati in settanta container. A fare da trait d’union tra i Paesi interessati dal traffico illegale sarebbe stato proprio il broker calabrese arrestato nelle scorse ore, che il giudice ha descritto nell’ordinanza come “al vertice di strutture ed attività criminali stabili nel tempo, che provocano enormi danni all’ambiente per lucrare indebitamente somme di denaro, con una avidità e professionalità nel delinquere che, nel settore in esame, hanno pochi paragoni possibili”. 

Sarebbe stato lui ad avere contatti sia con le ditte tunisine che con la società di Polla che raccoglie e ricicla rifiuti urbani dalla provincia di Salerno e da altre regioni, come la Basilicata e la Calabria. E ancora dalla ditta soveratese arriva la cessione del contratto stipulato con la società tunisina coinvolta nello scandalo. 

Latest

Controlli ambientali, tre deferiti all’autorità giudiziaria

Continuano le attività ispettive del Nucleo Operativo di PoliziaAmbientale...

Soverato, arriva il progetto per costrastare il commercio abusivo

Lotta alla contraffazione al commercio abusivo. A Soverato si...

Don't miss

Controlli ambientali, tre deferiti all’autorità giudiziaria

Continuano le attività ispettive del Nucleo Operativo di PoliziaAmbientale...

Soverato, arriva il progetto per costrastare il commercio abusivo

Lotta alla contraffazione al commercio abusivo. A Soverato si...

Controlli ambientali, tre deferiti all’autorità giudiziaria

Continuano le attività ispettive del Nucleo Operativo di PoliziaAmbientale della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Crotonefinalizzato alla prevenzione e contrasto degli illeciti...

Soverato, arriva il progetto per costrastare il commercio abusivo

Lotta alla contraffazione al commercio abusivo. A Soverato si avvia il progetto finanziato dal Ministero delle finanze per iniziative di prevenzione e contrasto del...

Cambio al vertice del comando della Polizia Penitenziaria del carcere di Cosenza: gli auguri di buon lavoro della Fp Cgil Calabria

Cambio al vertice del comando della Polizia Penitenziaria impegnata nella casa circondariale di Cosenza. Da oggi a dirigere gli agenti sarà il commissario capo...