CONTENUTI VIP

Soverato il Consiglio approva la rottamazione delle bollette

Si torna a parlare di piano spiaggia in...

Soverato a rischio il servizio di patologia clinica

Dipendenti in agitazione nell’ospedale di Soverato da cui...

Montepaone Droni termici per risolvere il giallo dei fumi maleodoranti

Cresce la preoccupazione a Montepaone per la presenza di...

Piano di dimensionamento: il resoconto dell’incontro con i sindacati

Le Organizzazioni Sindacali provinciali, firmatarie del presente comunicato, hanno chiesto e ottenuto un incontro con la provincia di Catanzaro per essere informate sul dimensionamento delle istituzioni scolastiche previsto per l’anno scolastico 2024/2025, ai fini dell’attuazione delle Linee guida della programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa proposte dalla Regione Calabria, come stabilito dalla Legge di Bilancio 2023.
L’incontro, svoltosi in un clima di dialogo disteso e sereno con un’apparente disponibilità all’ascolto, si è tenuto nella sala della Giunta della Provincia in data odierna, 09/10/2023, alla presenza del Presidente Mario Mormile, di alcuni Sindaci e di alcuni Funzionari.
In questa sede, abbiamo appreso che l’ipotesi del Piano di dimensionamento, di così grande rilevanza per la comunità educativa, era stata precedentemente discussa e definita solo con i Sindaci della provincia, senza il coinvolgimento delle OO.SS. e del personale scolastico. È opportuno, tuttavia, sottolineare che, fino ad oggi, le OO.SS. non sono state coinvolte o informate rispetto alle diverse ipotesi di ridimensionamento che si sono accavallate in questo ultimo periodo e, in questo senso, hanno voluto richiamare l’attenzione dell’Ente Provincia sulla preoccupazione in merito alla trasparenza e alla partecipazione democratica nel processo decisionale che riguarda il futuro delle istituzioni scolastiche della provincia di Catanzaro.
Le OO.SS., pur avendo un ruolo tecnico-consultivo nel dimensionamento scolastico riconosciuto dalla Linee guida regionali, inopinatamente non sono state coinvolte nel processo di formulazione delle ipotesi di dimensionamento né hanno avuto a disposizione dati esaustivi sulla situazione provinciale.
Questo mancato coinvolgimento assume un aspetto determinante specie in considerazione che il Piano di dimensionamento comporta la riduzione del numero di autonomie scolastiche da 64 a 50, già a partire dall’anno scolastico 2024-25, con la conseguente perdita di posti per dirigenti scolastici, amministrativi e personale di supporto.
Lascia perplessi che un tale “doloroso” piano di dimensionamento di così rilevante portata, non sia stato discusso con le organizzazioni sindacali di categoria ed è grave che, come sindacati della scuola, si debba solamente prendere atto di un Piano decisivo in altri contesti e con logiche estranee al modo scolastico, precludendoci la possibilità di avanzare delle proposte migliorative, da organizzazioni di scuola.
Quando si entra in un processo di rivisitazione della rete scolastica non può mancare il
coinvolgimento del personale, della comunità, del territorio e la considerazione delle diverse prospettive e necessità delle istituzioni scolastiche.

Pur essendo chiamate ad un ruolo di carattere meramente tecnico-consultivo in materia di dimensionamento scolastico, non avendo partecipato attivamente alla formulazione delle ipotesi di dimensionamento e non avendo accesso a dati esaustivi sulla situazione provinciale, le OO.SS. hanno ritenuto tuttavia opportuno formulare alcune osservazioni che sono state rappresentate agli interlocutori istituzionali.

Le OO.SS. hanno evidenziato all’Ente provincia che i mega istituti, proposti per le città di
Catanzaro e di Lamezia, saranno inevitabilmente fonte di tensioni e problemi.
Esistono certamente aspetti di preoccupazione in merito alla gestione di grandi istituzioni scolastiche, con sfide organizzative significative per il personale amministrativo e scolastico.
Si aggraverà, di conseguenza, il declino della capacità di programmazione didattica e di visione pedagogica dei collegi docenti, che diventeranno enormi assemblee di impiegati, ben lontane dal poter gestire la personalizzazione dell’insegnamento, vero obiettivo di una scuola di qualità.

Pertanto, pur prendendo atto che le autonomie scolastiche autorizzate per la provincia non possono discostarsi dalla 50 unità, è stata unanime la richiesta delle OO.SS. di rettificare il Piano proposto per le città di Catanzaro e Lamezia, specie per quanto riguarda l’accorpamento e/o la soppressione di Istituti con un tessuto socio-economico degradato e preoccupante, con fenomeni di micro e macro criminalità, dove la dispersione scolastica è ampiamente sopra la media regionale, salvaguardando così anche aspetti organizzativi, manageriali e pedagogici e garantendo funzionalità e qualità dell’offerta formativa, di cui il territorio catanzarese ha fortemente bisogno.

Il Piano proposto presenta delle criticità che vanno necessariamente sanate, va attenuata la “mannaia” su Catanzaro e Lamezia, razionalizzando Istituzioni scolastiche prive di Dirigente scolastico e con numeri ampiamente sotto i parametri stabiliti nelle Linee guida regionali.

In conclusione, chiediamo un costante coinvolgimento e la massima trasparenza nei processi decisionali relativi al dimensionamento e all’offerta formativa delle istituzioni scolastiche nella provincia di Catanzaro.

Per le OO.SS. è fondamentale garantire una consultazione adeguata con tutte le parti interessate al fine di trovare soluzioni equilibrate che tengano conto delle esigenze delle comunità educative e dei lavoratori del settore ed offrire all’Amministrazione provinciale di Catanzaro il nostro responsabile contributo in tutte le sedi, senza “chiamarci fuori”, affinché l’obiettivo di un razionale “Piano di dimensionamento” sia conseguito, senza preclusioni ideologiche e con spirito di collaborazione.

L’auspicio finale che la Provincia di Catanzaro, prima del 15 ottobre p.v., voglia eliminare le criticità del Piano di dimensionamento presentato oggi in Provincia, ben evidenziate da tutte le sigle sindacali nell’incontro odierno, per evitare rischio che il Piano di dimensionamento 2024-2027 sia foriero di difficoltà gestionali con effetti negativi sull’efficienza e sull’efficacia del servizio scolastico.

ANP

D.A. Servello

CISL SCUOLA

A. Silipo

GILDA UNAMS

A. Tindiglia

SNALS

P.L. Carrapetta

Latest

Via libera della Prefettura:nasce Gasperina marina

Nasce "Gasperina marina". È stata installata la nuova segnaletica...

Domani 20 aprile manifestazione nazionale a Roma organizzata da Cgil e Uil

In vista della manifestazione nazionale di domani 20 aprile...

Agricoltura, Arcea liquida contributi per oltre 2,5 milioni di euro

Oltre 2 milioni e mezzo di euro. È il...

Don't miss

Via libera della Prefettura:nasce Gasperina marina

Nasce "Gasperina marina". È stata installata la nuova segnaletica...

Domani 20 aprile manifestazione nazionale a Roma organizzata da Cgil e Uil

In vista della manifestazione nazionale di domani 20 aprile...

Agricoltura, Arcea liquida contributi per oltre 2,5 milioni di euro

Oltre 2 milioni e mezzo di euro. È il...
La redazione
La redazionehttps://moveoncalabria.it
Contattaci a info@moveoncalabria.it

Minacce, tentati omicidi e criminalità, Catanzaro, Crotone e Vibo ai primi posti in classifica. L’associazione Cam Gaia: “A fianco delle vittime… non siete sole”

“Catanzaro è la provincia con l’indice di criminalità più elevato. I dati, che prendono in esame il numero di denunce del 2023, hanno come fonte una dettagliata...

Via libera della Prefettura:nasce Gasperina marina

Nasce "Gasperina marina". È stata installata la nuova segnaletica "Gasperina marina", dopo la deliberazione della giunta comunale di denominare "Gasperina marina" tutte le località...

Domani 20 aprile manifestazione nazionale a Roma organizzata da Cgil e Uil

In vista della manifestazione nazionale di domani 20 aprile che si terrà a Roma, la CGIL Calabria spiega le ragioni della protesta: "La Cgil Calabria...