CONTENUTI VIP

Soverato il Consiglio approva la rottamazione delle bollette

Si torna a parlare di piano spiaggia in...

Soverato a rischio il servizio di patologia clinica

Dipendenti in agitazione nell’ospedale di Soverato da cui...

Montepaone Droni termici per risolvere il giallo dei fumi maleodoranti

Cresce la preoccupazione a Montepaone per la presenza di...

La Procura chiede una pena maggiore per il responsabile della morte di Simona Cavallaro

La sentenza di primo grado non ha soddisfatto la Procura della Repubblica di Catanzaro che, per l’imputato della morte di Simona Cavallaro, aveva chiesto 15 anni di condanna. Si torna quindi a chiedere una pena maggiore per il pastore proprietario del gregge e del branco di cani da guardiania che ha ucciso la giovane ragazza di Soverato nella Pineta di Monte Fiorino a Satriano. Per la Procura, i tre anni di reclusione sentenziati dal Gup non tengono conto di diversi aspetti della tragica vicenda che si chiede di rivalutare. 

Nella visione dei magistrati, il Gup aveva tralasciato elementi importanti, formulando una pena troppo bassa nei confronti dell’ imputato, accusato anche di introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui, pascolo abusivo, invasione di terreni ed edifici. Tra questi  l’ “abitudine del pastore di lasciare pascolare arbitrariamente il gregge in un’area attrezzata per pic nic, senza alcuna autorizzazione, nell’ambito di un’attività di pastorizia esercitata all’insegna dell’illegalità” e “l’atteggiamento del pastore che in più casi  aveva rivendicato come di sua proprietà i terreni destinati per loro natura a ospitare visitatori, noncurante che la presenza del gregge e dei cani da guardiania avesse già creato problemi”. Altro elemento che si chiede di considerare è quello legato alle segnalazioni precedenti alla morte di Simona sulla pericolosità dei cani che avevano già dimostrato la loro aggressività e la relazione tecnica dello specialista che aveva sottolineato come i maremmani per loro natura sono portati ad atteggiamenti aggressivi per la protezione del gregge di cui sono posti al seguito.

Latest

Autonomia Differenziata, Gesmundo (Cgil Nazionale): “Occhiuto impugni la legge”

"Occhiuto impugni la legge sull’Autonomia Differenziata." È la sfida...

Uber arriva in Calabria, domani la presentazione

Uber arriva in Calabria, domani in conferenza stampa il...

Alecci sui fondi bandiera blu: “Occhiuto in colpevole ritardo”

La cerimonia di consegna delle Bandiere Blu ha premiato...

Don't miss

Autonomia Differenziata, Gesmundo (Cgil Nazionale): “Occhiuto impugni la legge”

"Occhiuto impugni la legge sull’Autonomia Differenziata." È la sfida...

Uber arriva in Calabria, domani la presentazione

Uber arriva in Calabria, domani in conferenza stampa il...

Alecci sui fondi bandiera blu: “Occhiuto in colpevole ritardo”

La cerimonia di consegna delle Bandiere Blu ha premiato...

“Ricerca, sperimentazione e innovazione tecnologica nelle cure”, all’UMG il congresso nazionale

“Ricerca, Sperimentazione e Innovazione Tecnologica nelle Cure”: è il...
La redazione
La redazionehttps://moveoncalabria.it
Contattaci a info@moveoncalabria.it

Autonomia Differenziata, Gesmundo (Cgil Nazionale): “Occhiuto impugni la legge”

"Occhiuto impugni la legge sull’Autonomia Differenziata." È la sfida lanciata dal Segretario Cgil Nazionale Pino Gesmundo da Lamezia Terme dove ha partecipato all’incontro promosso da Cgil...

Uber arriva in Calabria, domani la presentazione

Uber arriva in Calabria, domani in conferenza stampa il presidente della Regione Roberto Occhiuto e il general manager Uber Italia Lorenzo Pireddu illustreranno l’arrivo...

Alecci sui fondi bandiera blu: “Occhiuto in colpevole ritardo”

La cerimonia di consegna delle Bandiere Blu ha premiato ancora una volta la Calabria, con l’assegnazione di ben 20 “vessilli” nella nostra regione.  Voglio fare...