CONTENUTI VIP

Soverato il Consiglio approva la rottamazione delle bollette

Si torna a parlare di piano spiaggia in...

Soverato a rischio il servizio di patologia clinica

Dipendenti in agitazione nell’ospedale di Soverato da cui...

Montepaone Droni termici per risolvere il giallo dei fumi maleodoranti

Cresce la preoccupazione a Montepaone per la presenza di...

Furti in abitazione: arrestato uno slavo nel lametino

A seguito dei numerosi furti in abitazione che nelle precedenti settimane si erano verificati nell’hinterland lametino, la Compagnia Carabinieri di Lamezia Terme, attraverso un’analisi info-investigativa degli eventi verificatisi, ha pianificato e condotto una serie di servizi coordinati a largo raggio finalizzati al contrasto della criminalità predatoria. Il piano, che si è svolto durante il ponte dell’Immacolata, ha portato all’impiego di circa 50 carabinieri prevedendo l’esecuzione di una fitta serie di controlli su tutte le aree del comprensorio lametino. Pattuglie appiedate, a bordo di autoradio e in abiti civili hanno sorvegliato tutte le aree di interesse operativo. Grazie all’attenta pianificazione dei servizi e alla costante presenza dell’Arma sul territorio, i Carabinieri della Stazione di Pianopoli e del NOR della Compagnia di Lamezia Terme hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, T.M, 33enne di origine serba, nullafacente, con precedenti specifici per reati associativi e contro il patrimonio, poiché ritenuto responsabile di furto in abitazione e rapina impropria. Le immediate attività d’indagine condotte dai Militari consentivano di accertare che l’indagato, in concorso con altri 4 soggetti, dopo essersi introdotto all’interno di un’abitazione di Pianopoli, previa effrazione del portone di ingresso mediante un palanchino in metallo, veniva sorpreso dai proprietari dell’immobile nell’atto di compiere un furto. Nella circostanza i ladri, impossessatisi di alcuni monili in oro e denaro contante, minacciavano i presenti, ingaggiando una breve colluttazione allo scopo di guadagnare la fuga. I Carabinieri, su attivazione 112NUE, giungevano immediatamente sul posto e riuscivano a bloccare l’indagato, mentre gli altri complici si erano già allontanati a bordo di una Mercedes Classe A, di colore blu. Il soggetto, una volta perquisito, è stato trovato in possesso di orologi e monili provento di furto. Inoltre le immediate indagini consentivano di accertare che poco prima, a Feroleto Antico, la stessa batteria di slavi si sarebbe resa responsabile di analogo furto in abitazione dalla quale avrebbero asportato alcuni orologi e denaro contante. Il soggetto fermato, secondo l’art. 380 c.p.p., è stato tratto in arresto e, su disposizione del P.M: di turno della Procura della Repubblica, tradotto presso il carcere di Catanzaro Siano. L’arresto è stato convalidato e il Gip del Tribunale di Lamezia Terme, sussistendo gravi indizi di colpevolezza in ordine ai prefigurati reati e specifiche esigenze cautelari, ha confermato nei confronti del soggetto la misura della custodia cautelare in carcere.  

Le indagini diretta dalla Procura della Repubblica di Lamezia e condotte dall’Arma territoriale hanno consentito di ricostruire il modus operandi utilizzato dal gruppo criminale che ha agito secondo procedure operative ben pianificate: si tratterebbe di soggetti di origini slave che, a bordo di autovetture di grossa cilindrata, una volta individuato l’obiettivo da colpire, si accertano dell’assenza dei proprietari suonando il campanello e una volta avuto conferma, con estrema velocità, forzano il portone d’ingresso delle abitazioni e vi penetrano all’interno asportando oro e monili. Indagini in corso per risalire ai complici. 

In occasione delle prossime festività natalizie la Compagnia carabinieri di Lamezia Terme, sia sulla città che nel suo hinterland, intensificherà i servizi preventivi al fine di assicurare la sicurezza della popolazione. 

I relativi procedimenti penali pendono nella fase delle indagini preliminari.

I provvedimenti adottati in fase investigativa e/o dibattimentale non implicano alcuna responsabilità dei soggetti sottoposti ad indagini ovvero imputati e le informazioni sul procedimento penale in corso sono fornite in modo da chiarire la fase in cui il procedimento pende e da assicurare, in ogni caso, il diritto della persona sottoposta ad indagini e dell’imputato a non essere indicati come colpevoli fino a quando la colpevolezza non è stata accertata con sentenza o decreto penale di condanna irrevocabili.

Latest

Lotta alla contraffazione, sequestro a Sant’Andrea Apostolo

Nell’ambito dei controlli volti al contrasto della contraffazione, della...

Costituito il Comitato territoriale “La via Maestra” a Crotone. Tante le associazioni aderenti

La Cgil e il mondo dell’associazionismo insieme per il...

Apicoltura in Calabria: approvati 152 progetti per oltre 1,3 milioni di euro

Più di 1.300.000 euro per la valorizzazione e promozione...

Don't miss

Lotta alla contraffazione, sequestro a Sant’Andrea Apostolo

Nell’ambito dei controlli volti al contrasto della contraffazione, della...

Costituito il Comitato territoriale “La via Maestra” a Crotone. Tante le associazioni aderenti

La Cgil e il mondo dell’associazionismo insieme per il...

Apicoltura in Calabria: approvati 152 progetti per oltre 1,3 milioni di euro

Più di 1.300.000 euro per la valorizzazione e promozione...

Rete delle Comunità Ospitali di Calabria: domani la presentazione in Cittadella

“La strada intrapresa con lo sviluppo del progetto “Rete...
La redazione
La redazionehttps://moveoncalabria.it
Contattaci a info@moveoncalabria.it

Lotta alla contraffazione, sequestro a Sant’Andrea Apostolo

Nell’ambito dei controlli volti al contrasto della contraffazione, della tutela del Made in Italy e della sicurezza prodotti, posti in essere dal Comando Provinciale...

Politiche industriali, dalle comunità energetiche alle mancate bonifiche, passando per i fondi non spesi: FIOM CGIL fa una severa analisi della situazione in Calabria

L’assenza di politiche industriali in Calabria è lampante, gli investimenti ristagnano, aziende medio -  piccole dove spesso  il lavoro rimane precario e di scarsa...

Costituito il Comitato territoriale “La via Maestra” a Crotone. Tante le associazioni aderenti

La Cgil e il mondo dell’associazionismo insieme per il lavoro, contro la precarietà, per la difesa e l’attuazione della Costituzione, contro l’autonomia differenziata e...